Notizie Parrucchieri e Bellezza

Notizie e novità dal Mondo della Bellezza
Information and news from the World of Beauty
Informationen und Neuigkeiten aus der Welt der Schönheit
Information et nouvelles du monde de la Beauté
Información y noticias del mundo de la belleza
信息和新闻从美的世界
Информация и новости из мира красоты
المعلومات والأخبار من عالم الجمال


BEAUTY NEWS

Per la Moda 2020, Chloé e Fusalp uniscono le forze per dar vita a una capsule collection di abbigliamento e accessori da sci dal sapore rétro

In comune hanno qualcosa di molto importante. Chloé e Fusalp sono nati entrambi nel 1952 e da allora hanno sviluppato il loro stile unico e irripetibile, diventano dei brand iconici, ognuno nel proprio ambito. E oggi l'esperienza tecnica e funzionale di Fusalp, nonché il suo approccio rétro, hanno incontrato il design e lo stile di Chloé per una capsule collection davvero affascinante dal sapore vintage Anni 70. 

Tra i capi della collezione, un piumino, una giacca a punto smock, dei pantaloni aderenti a vita alta, maglie color block e una tuta da sci. La selezione di accessori comprende invece guanti sportivi, un casco e occhiali da sci. 

La capsule collection Chloé x Fusalp è in vendita in esclusiva su net-a-poter.com. A partire dal primo novembre sarà disponibile anche online e nelle boutique dei due marchi.

Fashion News
Moncler rivela il suo lato più dark con Rick Owens
A Milano con Michèle Lamy per il lancio della collezione Moncler + Rick Owens


Continua a leggere

Blue jeans never go out of fashion: see the trends for Fall 2020.

What are the new denim men’s trends for Fall Winter 2020 2021? On the runways we have spotted head-to-toe ensembles, sometimes decidedly classic in style, see the perfectly proportioned look from Paul Smith, but also the bold jacquard look from Martine Rose; both interesting ideas for their absolute rigor (or inventiveness).

Paul SmithPaul Smith
Paul Smith
GorunwayMartine RoseMartine Rose
Martine Rose
Gorunway

The deep blue shirt-plus-pants stylish denim combo from the Salvatore Ferragamo new men’s collection features subtle yet edgy details, like the pockets’ large flaps and fabric-covered buttons, or the black metallic stud-buckle incorporated in the pants’ belt. The jacket and the slim-fit, five-pocket pants from ALYX, the brand of Matthew Williams, are adorned with crystal and silver bead flamboyant appliqué on the whole outfit in classic blue denim with a slightly used effect, finished with silver metallic buttons and classic, rust-toned stitching.

Salvatore FerragamoSalvatore Ferragamo
Salvatore Ferragamo
GorunwayALYXAlyx
ALYX
Gorunway

Two other highly interesting takes on “denim fashion” that caught our eye were from the new Telfar and Stefan Cooke Fall Winter 2020 2021 collections. Telfar’s amazes with a jacket whose ample collar spreads out to the shoulders while the loose fitting pants tied at the ankle seem to merge baggy with neoclassic style. Stefan Cooke experiments with trompe-l'oeil prints, adding a 3D, quilted-like optical illusion to the fabric.

TelfarTelfar
Telfar
GorunwayStefan CookeStefan Cooke
Stefan Cooke
Gorunway


Continua a leggere

Who said white jackets are a summer staple only? On menswear Fall Winter 2020 2021 runways the white jacket, which typically evokes the warmest of seasons, was revisited in lots of fresh and creative ways, to feel less nostalgic about being back in town after the holidays, and to try to push back the time to give in to the gray office suit.

Balmain and Valentino both propose an all-white jacket plus pants combo, but while the outfit created by Pierpaolo Piccioli has a more laid-back feel thanks to the chalk white matte fabric and workwear-inspired detailing, like the multiple pockets and the wide belt, the look from the French house headed up by Olivier Rousteing would look great on any red carpet, courtesy of the tuxedo jacket finished with statement peak lapels and matching ivory-toned satin pants.

ValentinoValentino
Valentino
GorunwayBalmainBalmain
Balmain
Gorunway

Off White and Random Identities for Fall Winter 2020 have both teamed a white jacket with black pants. The bomber style from Virgil Abloh features puffed sleeves and functional details, while Stefano Pilati sent down the runway a short, buttonless drawstring blazer.

Off WhiteOff-White
Off White
GorunwayRandom IdentitiesRandom Identities
Random Identities
Gorunway

The most original takes on the 2020 white men’s jacket emerged at Amiri and Louis Vuitton, with, respectively, a white tweed jacket finished with gold-rimmed buttons and flashy contrasting fabric or patent details, worn with ripped jeans;  and a short shaggy shearling jacket – also masterminded by Virgil Abloh.

AmiriAmiri
Amiri
GorunwayLouis VuittonLouis Vuitton
Louis Vuitton
Gorunway


Continua a leggere

Ci siamo. Archewell è una realtà. La nuova avventura no-profit di Harry e Meghan ha ufficialmente una casa online che è stata svelata proprio oggi. Il sito del nuovo progetto dei Duchi del Sussex, dall'indirizzo www.archewell.com, si presenta per ora solo nella sua veste grafica e con un messaggio, chiaro, nell'intestazione.

Meghan e HarryThe Duke & Duchess of Sussex Visit The Nelson Mandela Centenary Exhibition
Meghan e Harry
Chris Jackson

"Building Compassionate Communities", "Costruire comunità empatiche" è la mission del progetto che attualmente ci si presenta esclusivamente con l'etimologia delle due parole che insieme compongono il nome del progetto. Una mission che è stata annunciata proprio in questi giorni durante un evento online di due ore organizzato da Time in cui i Duchi si sono concentrati proprio sul portare avanti il discorso di un Rinascimento del lato “online” dell'umanità. 

Prince Harry and Meghan Markle attend the Wheelchair Tennis at the Invictus Games in Nathan Square, Toronto, Ontario, Canada, on the 25th September 2017.Pictured: Meghan Markle,Duchess of Sussex,Prince Harry,Duke of SussexRef: SPL5163164 250917 NON-EXCLUSIVEPicture by: SplashNews.comSplash News and PicturesUSA: +1 310-525-5808London: +44 (0)20 8126 1009Berlin: +49 175 3764 166photodesk@splashnews.comWorld Rights, No United Kingdom Rights
Harry e Meghan svelano a Time i loro progetti
Una serie di interviste, due ore di programma e un obiettivo a lungo termine. Ecco cosa vogliono fare Harry e Meghan

Ma come è la nuova manifestazione online di Harry e Meghan? Per ora Archewell si presenta all'insegna dell'eleganza, con una brand identity estremamente pulita, chiara e senza particolari fronzoli  e una visione d'insieme minimal senza per questo essere in nessun modo dimessa. 

Archewell Home PageHome Page di Archewell
Archewell Home Page

Attendiamo a questo punto nuovi aggiornamenti su come Archewell prenderà vita e  quali saranno le ulteriori evoluzioni del progetto.



Continua a leggere

In the past, they were mostly associated with a preppy style, but today collars – and in particular oversize designs – are proving that within a fashion world decidedly looking to the future there is still a trend that chooses to embrace old school simplicity again. The simplicity of natural materials such as cotton and linen,and of high craftsmanship and refined trimmings, evoking the crisp bed linen and handmade tablecloths of a country home. This feels like opening grandma’s trunk to discover plenty of little gems that will embellish the looks for Fall Winter 2020 2021

For Gucci the inspiration comes from childrenswear, with designs that recall school smocks; oversized collars are finished with lace, rounded or in velvet and scalloped, teamed with romantic skirts or peeking out from intricate'gothic lolita' long dresses. This same retro feel was also detected at Alberta Ferretti where a double ruffle collar with a pussy bow is worn over a striped puff-sleeved shirt. At Tory Burch collars are sharply pointed and hanging to the waist. A style that goes even further back in time, in the same vein as Moschino, whose ruffled necks transport us to the 1700s and to court with Marie Antoinette. Finally, Erdem captures the collar’s more refined and luxurious side,  adorning it with embroidery and pearls or turning it into true fabric jewerly pieces, while Valentino adds a ruffled collar to supremely  sophisticated evening gowns.

Browse our gallery to see the coolest big collars from FW 2020-2021.

Moda AI 2020 2021: maxi colletti tra i trend più cool
Simone RochaAlberta FerrettiAlberta FerrettiErdemErdemGucciGucciGucciGucciGucciGucciGucciGucciCelineCelineCelineCelineFendiValentinoElie SaabElie SaabRichard QuinnMoschinoTory BurchAtelier Musca


Continua a leggere

I pantaloni larghi nell'inverno 2021 secondo la moda street style: look e consigli su come indossarli

Stay comfy con i pantaloni larghi dell'autunno inverno 2020 2021. Un po' lounge un po' utility, la moda libera le gambe dalla costrizione di leggings e jeans skinny.

Ill piacere d'indossare un modello wide, leggero e che non aderisce alla pelle è stato riscoperto in questo anno difficile, durante i mesi del lockdown. Ecco che la tendenza guarda alla praticità, alla voglia di sentirsi coccolate da tessuti pregiati come la seta e il velluto francese. Non mancano le varianti di pelle che strizzano l'occhio alle tendenze contemporanee: in questo caso l'effetto casual è reso dal maglione over e dalle slip shoes abbinate.

Tra i look street style troviamo anche i pantaloni dal taglio maschile: morbidi, con pinces e pieghe, cadono diritti senza mai aderire alla gamba. In questo caso si punta alla qualità dei materiali, come il fresco lana, e si cerca il contrasto con le sneakers e i gilet di maglia.

Un modello classico è quello blu navy: aderente al derriere, scende a palazzo senza alcuna piega. Il segreto risiede nell'orlo perfetto, tagliato in base all'altezza del tacco. Da provare la variante sailor: in questo caso il modello è caratterizzato da coppie di bottoni oro o ton sur ton.

La leggerezza della seta e del jersey offre slanci di comodità con i pants payamas, che si portano con cappotti di shearling e maglioni over, mentre i pantaloni di velluto sono pronti a uscire dal guardaroba già da fine ottobre.

Pantaloni larghi: 10+ idee di look per l'inverno 2021Street Style At Paris Fashion Week - Womenswear Spring Summer 2021 : Day EightEdward BerthelotPantaloni larghi: 10+ idee di look per l'inverno 2021Street Style At Paris Fashion Week - Womenswear Spring Summer 2021 : Day NineEdward BerthelotPantaloni larghi: 10+ idee di look per l'inverno 2021Street Style: September 24 - Milan Fashion Week Spring/Summer 2021Christian VierigPantaloni larghi: 10+ idee di look per l'inverno 2021Street Style: September 25 - Milan Fashion Week Spring/Summer 2021StreetstyleshootersPantaloni larghi: 10+ idee di look per l'inverno 2021Fashion Photo Session In Paris - October 2020Edward BerthelotPantaloni larghi: 10+ idee di look per l'inverno 2021Street Style: September 25 - Milan Fashion Week Spring/Summer 2021StreetstyleshootersPantaloni larghi: 10+ idee di look per l'inverno 2021Street Style - LFW September 2020Neil MockfordPantaloni larghi: 10+ idee di look per l'inverno 2021Street Style At Paris Fashion Week - Womenswear Spring Summer 2021 : Day TwoChristian VierigPantaloni larghi: 10+ idee di look per l'inverno 2021Street Style At Paris Fashion Week - Womenswear Spring Summer 2021 : Day NineEdward BerthelotPantaloni larghi: 10+ idee di look per l'inverno 2021Street Style: September 26 - Milan Fashion Week Spring/Summer 2021Christian VierigPantaloni larghi: 10+ idee di look per l'inverno 2021Street Style At Paris Fashion Week - Womenswear Spring Summer 2021 : Day TwoChristian VierigPantaloni larghi: 10+ idee di look per l'inverno 2021Street Style At Paris Fashion Week - Womenswear Spring Summer 2021 : Day FiveChristian VierigPantaloni larghi: 10+ idee di look per l'inverno 2021Street Style: September 26 - Milan Fashion Week Spring/Summer 2021Christian Vierig


Continua a leggere

Per il lancio della collezione Moncler + Rick Owens Autunno Inverno 2020 2021, Michèle Lamy - moglie, musa e socia creativa dello stilista americano - è stata la protagonista di un evento itinerante a Milano che, attraverso una serie di attivazioni fisiche e digitali, ha invaso la città svelando il lato più dark del marchio di Remo Ruffini.

Elemento centrale dell'evento è un bus customizzato con gli elementi caratteristici dei due brand che ha ospitato l'artista durante una serie di talk digitali in giro per la città per poi concludere la sua corsa davanti alla boutique Rick Owens in via Monte di Pietà 13, dove Lamy si esibita in una performance live.

Michele Lamy x MonclerMichele Lamy x Moncler
Michele Lamy x Moncler
Valerio Mezzanotti

Il bus Moncler + Rick Owens è concepito per essere un guscio impenetrabile, dotato di rivestimenti realizzati in piumino, che esaltano l'idea di protezione. Prima di arrivare a Milano, il bus aveva accompagnato la coppia Owens - Lamy attraverso in un road trip nel deserto del Nevada.

Calore, protezione e dinamismo sono i tre elementi che associo a Moncler. Applicare la mia estetica a un ambiente circoscritto e itinerante, il bus, è stata la mia risposta alla challenge collaborativa”, ha dichiarato Rick Owens.

Lamy, nota per il suo costante impegno nell’ampliare gli orizzonti della cultura e della comunicazione, ha immaginato un modo di comunicare con il mondo esterno restando confinata in uno spazio chiuso, come fosse in un lockdown simbolico. La serie di talk digitali ha toccato argomenti che spaziano dallo slow food, alla moderna cultura milanese fino all’attivismo ambientale, coinvolgendo tra gli interlocutori lo chef Davide Oldani, il co-fondatore di Venice Calls Vittorio Da Mosto, l'art producer e Paolo Rosso, e il fondatore della rivista Kaleidoscope Alessio Ascari.

Michele Lamy x Moncler
Michele Lamy x Moncler
Valerio Mezzanotti

La giornata è culminata con una live performance di Michèle Lamy che ha visto alcuni membri della "famiglia" Rick Owens in uno show sperimentale, ambientato tra il bus e il negozio Rick Owens a Milano, trasmesso in diretta Instagram sui profili @Moncler, @RickOwensOnline e @LaLaMichMich.

Michele Lamy x Moncler
Michele Lamy x Moncler
Valerio Mezzanotti

La collezione Moncler + Rick Owens è disponibile dal 22 ottobre. Nella collaborazione per l'Autunno Inverno 2020 2021, il piumino Moncler prende le forme concettuali e architettoniche di Rick Owens ed esprime il suo lato più dark attraverso capi dai volumi estremi, speciali trapuntature radiance e una palette di nero, argento e polvere.



Continua a leggere

While in the 50s it was much-loved for its refined and ladylike feel, with the passing of time the cardigan has embraced various incarnations, including a grunge vibe which played up its rock and roll side, something completely new until then. Today, the cardigan is taking center stage again in the  Fall Winter 2020/21 collections. Check out our selection of trends from the runways. 

Embroidered knits: the elevated cardigan

Elaborate knitted styles embellished with floral or geometric embroidery. To add an even chicer touch, you may round them out with a sparkling statement brooch.

Cardigan + bra

The coolest way to wear it? In a twin set, but the underneath piece has to be really tiny, more like a bra or a bandeau top.

Cropped, Nineties style

The Nineties style cardigan is still all the rage, embracing minimalism and cropped designs.

Sleeveless

A sleeveless cardigan is a must-have piece for winter, to team with a shirt or a refined blouse

Like a coat

A super long cardigan doubles as a versatile coat to flaunt day and night.

Lady Like 

The elegant side of the cardigan, teamed with sensuous pencil skirts and towering heels.

Preppy style

Embellished with pins and worn over a shirt and jeans, this is the freshest and 'younger' way to wear a cardigan this season

Browse our gallery with a selection of the best cardigans for Fall Winter 2020/21.

Cardigan Autunno Inverno 2020/21: i trend dalle sfilate
ChloéFendiErdemErdemMarc JacobsMiu MiuErmanno ScervinoDiorChristopher KaneAltuzarraDolce & GabbanaDolce & GabbanaDolce & GabbanaDolce & GabbanaDolce & GabbanaDolce & GabbanaDolce & GabbanaDolce & GabbanaDolce & GabbanaEtroMarniEmporio ArmaniEmporio ArmaniDROMeGucci


Continua a leggere

Contro ogni previsione, il Festival di Hyères ha festeggiato il suo 35° anniversario dal 15 al 18 ottobre nella cittadina del sud della Francia. Il festival, che si svolge prima dei premi ANDAM, Woolmark e LVMH, mantiene il primato di concorso dedicato alla moda più antico del mondo, anche per aver lanciato nomi del calibro di Viktor & Rolf, Anthony Vaccarello di Saint Laurent, Julien Dossena di Paco Rabanne e Lisi Herrebrugh e Rushemy Botter di Nina Ricci.

Il festival, che doveva tenersi ad aprile, è stato rinviato, ma ha dovuto comunque fare i conti con le stesse difficoltà che tutti gli organizzatori di eventi hanno affrontato quest’anno — gli assembramenti da controllare rigidamente, e i viaggi internazionali sconsigliati, vietati o seguiti dalla quarantena — ma l’evento, suddiviso in tre sezioni, è andato comunque avanti. La sua missione? Fornire un trampolino di lancio per stilisti, fotografi e designer di accessori che hanno presentato i loro lavori a giurie prestigiose in un contesto dalla ricchissima tradizione artistica ma anche dalla grande joie de vivre. In un periodo in cui questioni come gli sprechi e i consumi eccessivi sono più attuali che mai, il festival e i suoi concorrenti hanno fatto passi avanti per cercare di affrontarle, stimolando il dibattito attraverso concept fotografici e con un’attenzione concreta agli abiti e alle modalità produttive. 

Maximilian Rittler Des Rues
Maximilian Rittler Des Rues
Photography by Adeline Mai

Il Festival di Hyères, che si tiene a Villa Noailles, edificio progettato dall’importante architetto francese Robert Mallet-Stevens, quest’anno è stato ridimensionato, e alcuni dei membri della giuria e concorrenti si sono collegati virtualmente. Chi era fisicamente presente ha partecipato a eventi socialmente distanziati, dalla bellissima performance sul tetto dell’edificio del collettivo (La)Horde del Ballet National de Marseille con il cantante francese Yseult, al concerto di chiusura, un omaggio al cantante Christophe, scomparso in aprile.

Nel corso del pomeriggio finale del contest, il presidente della giuria moda Jonathan Anderson ha annunciato, in video, il nome del vincitore del Première Vision Grand Prix, incoronando Tom Van Der Borght, stilista belga di menswear, classe 1978, che ha elogiato per aver creato “una tipologia completamente nuova di forme, un nuovo tipo di adesione a una silhouette… Senza compromessi.” Ecco i momenti clou della quattro giorni di eventi.

1. Il premio Métiers d’Art di Chanel lascia ancora il segno

Mentre Chanel si prepara a lanciare Le 19M, un nuovo hub per gli atelier di Métiers d’Art che dovrebbe aprire a Parigi a metà del 2021, la presenza della maison si è fatta sentire più del solito al festival da quando Karl Lagerfeld aveva presieduto l’edizione 2015 come direttore creativo. Con più di 30 artigiani che lavorano per la maison, Chanel ha abbinato un atelier a ciascuno dei 10 finalisti dell’area fashion che hanno creato un accessorio a completamento della collezione della griffe vista in passerella grazie al know-how di ciascun atelier. E per il 2020, questi abbinamenti hanno portato a risultati sorprendenti e interessanti.

Andrea Grossi, Causs.
Andrea Grossi, Causs.
Photography Adeline Mai2. Róisín Pierce: ispirazione imperfezione

Selezionato dalla fashion jury, il vincitore dei 20.000 euro offerti dal premio Chanel Prix des Métiers d'Art è invitato a sviluppare un progetto più esteso per l’anno successivo. La vincitrice dello scorso anno, Róisín Pierce, irlandese, ha fatto quindi ritorno a Hyères per presentare la sua collezione, Bláthanna Fiáin, nello showroom ‘Formers’ del festival. 

E con l’atelier parigino Paloma — diretto oggi da Regina Weber, concorrente del festival nel 2018— Pierce ha creato un abito bianco a uovo con cappa abbinata realizzato a mano con migliaia di petali in cotone goffrato e tulle, ispirato alla bellezza delle ortensie bianche. “Volevo creare un abito che avvolgesse la modella”, spiega Pierce. “Una nuova tipologia di texture, e gli artigiani dell’atelier Paloma sono dei veri maestri”. Per completare la sua collezione total white la stilista ha creato un morbido basco in sangallo con Maison Michel, e una minaudière a uovo in collaborazione con Les Ateliers de Verneuil-en-Halatte.

Roisin Pierce
Roisin Pierce
Photography: Andrew Nuding3. Jonathan Anderson: la scelta di abiti e giurati

Sebbene fisicamente assente, Jonathan Anderson ha affrontato il suo ruolo di presidente della giuria fashion con grande attenzione, specialmente per quanto riguardava la composizione della giuria, che quest’anno comprendeva lo stylist Benjamin Bruno, il fotografo Tyler Mitchell, il sound designer Michel Gaubert, il critico di moda Tim Blanks, la stylist e scrittrice Amanda Harlech, e la supermodella Kaia Gerber, che hanno passato molto tempo con i concorrenti su Zoom. La mostra di Anderson, I Curate, si è svolta invece nella zona della piscina interna illuminata di Villa Noailles, sfruttando i soffitti altissimi della sala per creare piccole isole realizzate con colonne tricot intorno alle quali sono stati esposti alcuni look delle sue collezioni per Loewe e per JW Anderson dal 2015 a oggi. 

Se le colonne (e alcuni dei capi) guardavano a Isamu Noguchi e Issey Miyake, che hanno ispirato la mostra Disobedient Bodies di Anderson allestita nel 2017 al museo di Hepworth Wakefield, la scelta dei capi per Hyères racconta storie diverse, dall’eleganza delle spiagge spagnole delle sue prime creazioni per Loewe ai bozzoli pelosi dell’AI2020 per il suo marchio, JW Anderson.

JW Anderson
JW Anderson
Luc Bertrand 4. La fotografia ‘silenziosa’ di Paolo Roversi

Nel frattempo il fotografo italiano Paolo Roversi aveva preso possesso del campo di squash della Villa, un cubo grigio chiaro che ha ospitato mostre di tanti fotografi, fra cui Craig McDean, Oliviero Toscani e William Klein. I ritratti in studio e le foto di moda di Roversi, quest’anno presidente della giuria che ha assegnato il premio per la fotografia in concomitanza con una retrospettiva nella sua città natale, Ravenna, sono state presentate nella mostra Silenzio, curata da Chiara Bardelli Nonino di Vogue Italia. 

La sottile linea Roversi
Restrizioni permettendo, il 10 Ottobre apre a Ravenna la più completa monografica mai dedicata a Paolo Roversi: dopo quasi mezzo secolo a Parigi, per il maestro della luce è una sorta di ritorno a casa. Lo aspettano una villetta, un albero e altre cose che, una volta cresciute, hanno preso la loro strada. Proprio come certe fotografie.

La selezione di scatti, che prendono spunto dal brano sperimentale 4’33 di John Cage del 1952, ha preso in considerazione l’approccio silenzioso di Roversi alla creazione di immagini. Un anonimo attrezzo di scena, una coperta grigia, spesso visibile nelle sue foto, è stato presentato come soggetto a se stante, mentre nuance come rosso scuro e blu inchiostro erano fra i pochi colori presenti in una selezione in cui predominano il bianco e nero. Ma sono gli sguardi di modelle come Kate Moss e Guinevere Van Seenus, e la bellezza indiscutibile delle creazioni di designer come Yohji Yamamoto, Comme Des Garçons e Azzedine Alaïa, a rubare la scena. 

Paolo Roversi per Yohji Yamamoto, Paris 1996
Paolo Roversi per Yohji Yamamoto, Paris 1996
PAOLO ROVERSI5. Barrère e la sua gang scintillante

Hubert Barrère, direttore creativo della maison francese di ricami Lesage, è stato incaricato di presiedere la giuria che ha assegnato il premio per i migliori accessori. Introdotto nel 2017, è il premio più nuovo del festival e una categoria importante nel settore che si va ad aggiungere a quelle già presenti. La grandissima esperienza nella haute couture di Barrère è stata evidente per tutto il festival, dalla sua straordinaria mostra di creazioni ricamate alla masterclass di sabato pomeriggio in cui ha parlato con molta franchezza a proposito delle voci di acquisti non etici di ricami in India. E ha condiviso aneddoti di “scontri tra ego” nell’ambiente della moda parigina, fra questi il racconto, molto apprezzato dal pubblico, di quando Pierre Bergé, cofondatore di Yves Saint Laurent, aveva ordinato al grande François Lesage di usare l’entrata riservata alla servitù per accedere alla maison. 

La Métis et L'Artifice: un corsetto
La Métis et L'Artifice: un corsetto

Barrère si è assicurato invece di fare un’entrata in grande stile, presentandosi alla cerimonia di premiazione accompagnato dai membri della giuria, gli attori Nicolas Maury e Joana Preiss, la designer Yaz Bukey e la coreografa Blanca Li, tutti sfavillanti di paillettes, gioielli in oro di Goossens e persino di diamanti Chanel. Una gang scintillante che ha dato consigli preziosi ai finalisti della categoria accessori, prima di consegnare il premio al duo di designer francesi Ddiddue & Juana Etcheberry per Owantshoozi, una sgargiante collezione di cappellini da baseball patchwork upcycled, creata sui Pirenei francesi. 



Continua a leggere

La collezione firmata da Kylie e Kendall Jenner arriva su The Drop per Amazon Fashion

Tornano le collezioni in esclusiva per The Drop, il progetto lanciato lo scorso anno da Amazon Fashion che questa volta vede la collaborazione di Kylie e Kendall Jenner, e porta la firma del marchio lanciato nel 2015 dalle sorelle, KENDALL + KYLIE. La capsule, già disponibile online su www.amazon.it/thedrop, vede una selezione di capi di abbigliamento in linea con lo stile delle giovani It-girl: si spazia tra denim e body dolcevita con dettaglio cut-out, jogger e felpe coordinate, pantaloni e shorts in pelle vegana, T-shirt, maglie e cardigan. Il tutto, in una deliziosa palette autunnale con tocchi pastello come il rosa o l'azzurro e una buona dose di stampe tie-dye. Insomma, a quanto pare i pezzi necessari per costruire un total look a prova di Instagram ci sono tutti.

Non a caso, Kendall Jenner ha già postato sul suo profilo IG una foto che la ritrae davanti a uno specchio mentre indossa uno dei body della collezione. Impazienti di provare tutto anche voi? Meglio affrettarsi. La collezione The Drop by KENDALL + KYLIE, infatti, sarà acquistabile solo per un determinato periodo di tempo. E, conoscendo la velocità con cui le sorelle Jenner registrano di solito il completo sold out, vi consigliamo di iniziare lo shopping al più presto. Se siete indecise su cosa scegliere il consiglio è di puntare sui body - tra i must della collezione secondo noi -, sui capi tie-dye, come il maglioncino crop o la tuta, o su uno dei capi in jeans. A voi la scelta.



Continua a leggere

Helmut Newton è il protagonista del numero di ottobre di Vogue Italia. Michel Guerrin, caporedattore di Le Monde, ha raccontato la storia del grande fotografo nell'articolo "Lo Specchio del Macho" in cui svela come l'estetica del re del nudo in realtà non sia misogina, piuttosto il contrario. 

“Per tutta la vita Helmut Newton ha fotografato praticamente solo donne. E per tutta la vita ha dovuto far fronte ad accuse di misoginia. Violente proteste sono andate in scena contro di lui in molti Paesi. Durante una conferenza, alcune studentesse americane volevano tirargli della carne cruda. Il motivo? Aver ridotto, secondo loro, le donne sulla carta patinata a pura carne. Il seguito lo possiamo immaginare. Newton, vestito di bianco, scarpe comprese, non si lancia in grandi discorsi, non si giustifica – questo no –, oppone solo un sorriso disarmante e racconta storie” (Michel Guerrin)

Ecco il podcast con l'articolo di Michel Guerrin su Helmut Newton letto da Daniel Capurro:

 Helmut Newton è uno “tra i più grandi fotografi di moda di sempre, e senza dubbio il più controverso”, come ha spiegato il direttore Emanuele Farneti nel suo editoriale “Newton e noi” che potete leggere a questo link

Ecco la voce del direttore mentre racconta il senso del nuovo numero del nostro giornale:

Ed ecco la versione inglese dell'editoriale:

Sneakers vegan e sostenibili: un webinar organizzato sulla piattaforma The World of Vogue Talents ha coinvolto alcuni tra i protagonisti della nuova generazione che hanno parlato di materiali sostenibili e vegani per le sneakers, di durabilità, di eco-pelli vegetali, ma anche di come allungare la vita delle proprie sneakers e di come riciclarle al meglio…. magari per permettere loro di trasformarsi in nuove sneakers vegan come raccontano Helen Kirkum, Dong Seon Lee e Giuliana Borzillo co-founders di id.Eight, Umberto De Marco founder di Yatay:

Kimberly Drew ha parlato di infinito per Vogue Italia, nella issue speciale di settembre con le cento copertine che raccoglie la riflessione sul senso dei numeri di alcuni scrittori. 

Kimberly Drew, nata nel 1990, è scrittrice, curatrice e attivista. Laureata in storia dell’arte e studi afro-americani, durante gli anni dell’università ha lanciato il blog “Black Contemporary Art” su tumblr, sul quale sono apparsi i lavori di circa 5000 artisti di colore. A dicembre pubblicherà il libro “Black Futures” (One World) assieme a Jenna Wortham, giornalista del “New York Times Magazine”.

David Leavitt ha scelto come numero il 2020, “un anno che non ha proprio niente di speciale”. Nato a Pittsburgh nel 1961. Ha raccontato la vita e le formule del matematico Alan Turing in “L’uomo che sapeva troppo: Alan Turing e l’invenzione del computer” (Codice 2007), e ne “Il matematico indiano” (Mondadori 2009) la possibilità di risolvere i conflitti tra identità diverse grazie alla matematica. Il suo ultimo romanzo è “Il Decoro” (2020). Tutti i suoi libri sono in corso di ripubblicazione da SEM.

Foto originale di Steven Meisel, dicembre 1998, Vogue Italia
vogue italia podcast
David Leavitt racconta “Cuorcontento”
Lo scrittore statunitense nel nuovo podcast legge il racconto scritto in esclusiva per Vogue Italia

Tahar Ben Jelloun ha scelto per il numero di settembre di Vogue Italia come numero significativo 2021, ovvero "l'anno della riparazione”. Nato nel 1944 a Fez, Marocco, Tahar Ben Jelloun vive a Parigi da quando ha 27 anni. Romanziere, poeta e giornalista, ha vinto il Premio Goncourt ed è stato più volte candidato al Premio Nobel per la letteratura. È l’autore francese più tradotto al mondo e in Italia i suoi libri sono pubblicati da Bompiani. Ecco il podcast del testo raccolto da Enrico Rotelli per il numero di settembre di Vogue Italia:

David Quammen è, secondo Nature, “uno di quei rari esempi di giornalisti scientifici che uniscono l’esplorazione con uno speciale talento per la sintesi e la narrazione” ed è autore di quindici libri. L’ultimo pubblicato in Italia, “L’albero intricato” (Adelphi), mostra come le recenti scoperte nella biologia molecolare influenzino la nostra comprensione dell’evoluzione e della storia della vita. Tra i suoi altri libri, editi in Italia da Adelphi, “Spillover”, bestseller che aveva previsto l’avvento di una pandemia a trasmissione animale. Nel testo, raccolto da Francesco Chiamulera e pubblicato sul numero di settembre di Vogue Italia, racconta di come 1859 abbia cambiato la storia dell'umanità: ecco il podcast.

100 copertine di Vogue, l'amicizia con Kate Moss (madrina dei suoi due figli Flynn e Valentine), i servizi con Mert&Marcus o Mario Testino. Charlotte Tilbury è tra le più celebri make-up artist del mondo, ha lavorato con tutti i personaggi più famosi dello star system e formulato un'esclusiva linea di make-up (e skincare), che arriva ora finalmente in Italia. In questo podcast racconta gli inizi della carriera, Ibiza e la passione sfrenata per Italia. Poi ancora gli shooting in giro per il mondo e le campagne di moda, per Miu Miu, Missoni, Dolce&Gabbana, la creatività e l'evoluzione del costume, in una girandola di aneddoti e ricordi intimi, curiosi e sensazionali. 

E introduce l'atteso arrivo di Charlotte Tilbury Beauty in Italia con due parole chiave: PillowTalk e Magic Cream! 

Oggi Jean-Claude Ellena è il direttore Creativo Fragranze in esclusiva per Le Couvent ma la sua vita è sempre stata immersa nelle fragranze fin dall'infanzia a Grasse, a raccogliere, in compagnia della nonna, gelsomini per le profumerie della zona. Nel 1990, è stato uno dei membri fondatori di Osmothèque, archivio di essenze internazionali, a Versailles. Ad accompagnare l'ascoltatore nel viaggio intorno ai giardini e ai fiori, Jean-Claude Ellena in persona, che si racconta nel terzo podcast, firmato da Sofia Viganò, della rubrica "Profumi da sentire", dedicata a incontri con i più importanti protagonisti della profumeria internazionale:

Per comprendere meglio il percorso che ha reso Vogue quello che è ora, ecco il podcast della Photo Editor di Vogue Italia e L'Uomo Vogue Chiara Bardelli Nonino. Dalla Prima Guerra Mondiale, quando la rubrica Smart Fashion for Limited Incomes diventa Fashions On A War Income,  a Audrey Withers diventata editor in chief di British Vogue nel 1940, a Lee Miller, che ha firmato alcuni degli scatti più forti pubblicati sulla rivista, compresi gli orrori dei campi di concentramento, fino alle scelte di Vogue Italia dei tempi recenti, come la copertina bianca del numero di Aprile:

In tema di moda sostenibile, a dieci anni dal termine imposto dall'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, e in modo particolare in un momento storico come quello che stiamo vivendo di crisi per il coronavirus, ci siamo chiesti che abiti e accessori popoleranno il guardaroba nel 2030. Partite con noi per un un viaggio, in cinque tappe, nella moda sostenibile che popolerà il nostro guardaroba nel 2030:

Se volete poi ascoltare la storia della traversata dell' Oceano Atlantico del transatlantico Cristoforo Colombo, che nel 1956 ha portato a New York otto modelle di nobili origini a rappresentare altrettante case di moda, capitanate da Giambattista Giorgini, l'organizzatore delle prime sfilate in Italia, scoprirete il primo podcast della serie "Fashion Tales":

Agli amanti del mondo beauty è dedicata invece l'intervista a Linda Cantello,  International make-up artist Giorgio Armani Beauty,: nel podcast di Vogue Italia in cui si racconta in conversazione con Susanna Macchia, caporedattore Vogue Italia e L'Uomo Vogue e anima del Beauty in Vogue.

Sapevate che il signor Levi Strauss non ha mai indossato un paio di denim jeans, pur avendoli brevettati? E che ogni secondo nel mondo ne vengono vendute 60 paia? Che cosa rappresenta la data 20 maggio 1873 per i jeans? E come mai a Bing Crosby rischiò di vedersi negata una stanza di hotel? Vi siete mai chiesti che suono ha il denim? E come si può riconoscere un Levi's, un Lee e un Wrangler semplicemente guardando un pezzo di tessuto?

Ecco sei curiosità che forse non sapete sul mondo del denim e del jeans: due termini che, come scoprirete ascoltando il nostro podcast, non sono stati sempre sinonimi (e per i puristi non lo sono ancora).

Ancora in cerca di qualcosa di bello da ascoltare?

Ecco altri 10 podcast consigliati da ascoltare a casa.

Al link speaker.com/user/vogueitalia trovate tutti i podcast di Vogue Italia: ogni giovedì sveleremo altre tracce da ascoltare. Preparatevi a "un’esperienza sorprendente e immersiva nel mondo di Vogue Italia, che nella sua nuova formula ha scelto di usare anche le parole, e non solo l’immagine, per raccontare la magia della moda e dei suoi protagonisti", come ha spiegato in occasione del lancio del progetto il direttore Emanuele Farneti.



Continua a leggere


X

privacy